Famiglia è bello


/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

Intervista a Marina e Pietro Parlani del Forum delle Associazioni familiari del Lazio sull’iniziava  E…state in famiglia, che si svolgerà  a Roma dal 10 al 14 luglio. Anche Città  Nuova editrice sarà  presente con un suo stand, dove esperti e autori di saggi incontreranno i lettori e il pubblico


La famiglia è sempre al centro del dibattito politico e sociale. Il Forum delle associazioni famigliari ha pensato di dedicargli una manifestazione estiva dal 10 al 14 luglio a Roma

E…state in famiglia 2013 è la prima edizione di  una manifestazione promossa dal Forum delle Associazioni familiari del Lazio. Con quale finalità  è nata questa iniziativa?

«L’obiettivo è quello di dare uno spazio alla famiglia nella città  di Roma dentro il quale le diverse componenti della famiglia, che poi sono le stesse che compongono la società , trovino un luogo reale dove potersi incontrare, confrontare arricchire e, perchè no, rilassarsi e divertirsi. Uno spazio diluito nel tempo con iniziative molto diverse fra loro ma sempre dedicate alla famiglia, alle sue esigenze pratiche, culturali, spirituali, alle sue criticità , ma anche, e soprattutto, alla sua bellezza, quella vera, non quella della pubblicità , ma quella dell’amarsi giorno dopo giorno nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia….tutti i giorni della vita…..insomma, si vuole dire alla città  di Roma, e, se possibile, un po’ più in là  che “famiglia è bello”».

Si parlerà  di famiglia a 360°: dal punto di vista economico, sociale, spirituale, psicologico per rifletter sulle problematiche più frequenti e delicate che vive la famiglia oggi.  Quale sono secondo voi la criticità  più grave che vive la famiglia?

«Crediamo che il problema sia quello che è quello di tutti, paradossale nell’epoca dei network e del villaggio globale: la sensazione che, nonostante tutte le possibilità  di relazione e comunicazione, la famiglia si senta sola, soprattutto nel momento di necessità . Per le famiglie questa solitudine è moltiplicata  per tutti i suoi componenti, e poi per quanti sono ad essi collegati. E’ sola soprattutto nel momento del confronto col problema, della ricerca della soluzione e, più di tutto, nell’impegno a portare avanti tutto questo nella quotidianità ».

Come il Forum cerca di dare una risposta?

«La forza e la risposta è già  l’esistenza del Forum, dell’associarsi fra associazioni, che è  – l’abbiamo sperimentato – una famiglia di famiglie. Confrontandosi ogni giorno sui problemi reali e cercando una soluzione si scopre che magari c’è già  qualcuno che ha cercato di risolvere la questione e proprio per questo poi ha pensato di mettere a disposizione la propria esperienza. Così per citare ciò che Madre Teresa disse una volta a Chiara Lubich: “Quello che faccio io tu non lo puoi fare, quello che fai tu, io non posso farlo”. Lavorando insieme nella diversità  delle finalità  ci si sente rincuorati e rafforzati dall’idea dell’essere uniti a servizio della famiglia, e quindi della società  intera. Le associazioni all’interno del Forum sono molto diverse fra loro (spirituali, ecclesiali,  sociali) e questo è una ricchezza incommensurabile.

All’interno del Forum del Lazio rappresentate da due anni la realtà  di Famiglie Nuove, espressione del Movimento dei Focolari. Sulla base dell’esperienza e conoscenza maturate in questi anni quali sono le potenzialità  e le chance dell’associazione?

«Le possibilità  sono enormi, proprio per la grande diversità  dei campi in cui ciascuna associazione lavora. Spesso durante le nostre attività  ci viene di pensare a S. Paolo e alle sue parole sui carismi: il segreto è lavorare uniti. Così anche se è una singola associazione che lavora per portare avanti qualcosa, la percezione è quella di un corpo, che oltre ad essere di incoraggiamento per coloro che lavorano costituisce anche per i fruitori e soprattutto per le istituzioni, con le quali spessissimo ci si trova a confrontarci, un interlocutore autorevole e troppo ingombrante per essere ignorato».

Per informazioni su “E…state in famiglia” clicca qui.

Elena Cardinali, Città  Nuova, 11.07.2013

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: