Maria Voce in udienza da papa Francesco

papa-emmausLa presidente dei Focolari ha incontrato stamattina il pontefice. Colloquio familiare, fraterno durante il quale il papa

ha incoraggiato il lavoro del Movimento nei Paesi di frontiera. Francesco ha raccontato della veglia di pace per la Siria

Un incontro cordiale, fraterno, accogliente. Sono questi gli aggettivi con cui Maria Voce, presidente del Movimento dei Focolari, eGiancarlo Faletti, co-presidente, descrivono i trenta minuti di stamattina in Vaticano con papa Francesco.

Il papa conosceva il Movimento già  in Argentina e ha ricordato alcuni incontri avuti con i focolarini a Buenos Aires. Poi è passato alle confidenze personali raccontando della giornata di digiuno e di preghiera per la Siria. Si era confrontato con i suoi collaboratori prima di decidere, perché avverte che «Dio parla quando si è uniti e non solo al capo». E questa collegialità  decisionale sembra aver dato i suoi frutti, viste le ultime decisioni di Assad e degli Stati Uniti sul conflitto. àˆ, poi, ritornato sui temi cardine del suo pontificato: la radicalità  del vangelo e l’autenticità  della testimonianza per non farsi prendere dalla mondanità  sempre in agguato.

Francesco si è raccomandato di andare avanti con coraggio e con gioia nel vivere il carisma e ha sottolineato l’importanza della gioia, perché se è vero che la gioia è la divisa del focolarino, per il papa «un cristiano senza gioia non ottiene niente». Non ci sono state indicazioni precise per la vita del Movimento anche se il papa ha mostrato molto interesse per gli incontri con vari appartenenti ai Focolari nei Paesi mediorientali. Maria Voce ha raccontato che circa 40 musulmani sono stati presenti a questi appuntamenti e il papa da parte sua, oltre a ricordare la sua amicizia con gli ebrei, ha detto che in piazza san Pietro durante la veglia alcune persone pregavano con il Corano. «La preghiera va al di là  delle confessioni: questa mi sembra sia stata la sensazione del papa”, ha ribadito la presidente dei Focolari».

Giancarlo Faletti, co-presidente del Movimento, ha sottolineato invece l’incoraggiamento del papa ad essere tessitori del vangelo in luoghi difficili, perché «questa presenza di Dio attraverso la vita dei cristiani è capace di transitare tra le sofferenze più grandi e nelle situazioni più complesse». «La presenza dei cristiani è necessaria», ha concluso Faletti.

Maria Voce ha infine ringraziato il Papa per la lettera ai non credenti inviata al quotidiano Repubblica: «Mi è suonata come un grande atto di fede nell’uomo perché il papa fa appello alla libertà  della coscienza. Mi è sembrato un grande atto di fiducia nell’uomo al di là  della sua appartenenza religiosa o meno».

a cura di Victoria Gà³mez, Maddalena Maltese (Città  Nuova, 14.09.2013)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: