MARIAPOLI della città di Roma 2014

Un’opportunità di incontro e di dialogo alla luce della spiritualità  del Movimento dei Focolari. La Mariapoli, bozzetto temporaneo di una società rinnovata dall’amore evangelico, è un’esperienza che, iniziata nel ’49 sulle Dolomiti  di Primiero, si rivive oggi in tanti paesi del mondo. È un’esperienza che cambia la mentalità e gli stili di vita, risanando con l’Amore il tessuto sociale lacerato dall’odio, innovando politica ed economia, cultura, medicina e arte, alimentando dialogo e fraternità tra le persone di religione e credo diversi, imprimendo il cambiamento.

folgarida

La storia della Mariapoli in un power point

PROMEMORIA

Sabato 26 luglio – Sabato 2 agosto
Folgarida (TN) circa 1.300 metri s.l.m.

Quote di partecipazione dalla cena del 26 luglio al pranzo del 2 agosto

Adulto (da 26 anni).. € 310
Giovani (da 16 a 25 anni)    € 265
Ragazzi (da 12 a 15 anni)    € 220
Bambini (da 4 a 11 anni)     € 155
Bebè (da 0 a 3 anni) gratis, portando lettino da campeggio

Trasporto A/R con pullman a persona  € 90 (Partenza da Roma Termini)

PDF scheda-prenotazione-mariapoli-2014

Prenotazioni entro il 30 aprile (dopo tale data chiamare o scrivere per sapere se i posti sono esauriti):

mariapoli.roma@alice.it
Giorgio e Mariuccia Pierfederici:  06-35400414
Marco e Anna Maria Alfano:         347-2979792
Giancarlo e Rosaria Amurri:          328-3322053

N.B. Lenzuola e asciugamani, pulizie della camera e del bagno, sono a carico dei partecipanti

Per il Noleggio della biancheria da pagare direttamente all’albergo:

Lenzuolo matrimoniale                 €        2,00

Lenzuolo singolo                             €        1,50

Federa                                                 €        0,50

Telo doccia                                         €        1,50

Telo viso                                             €        1,00

Telo bidè                                            €        0,50

Tappettino doccia                           €        1,00


************

Semi di fraternità: le Mariapoli

Nel difficile dopoguerra, mentre faticano a rimarginarsi tra i popoli europei le ferite inferte dal Secondo conflitto mondiale, ogni estate, sui monti del Trentino, nel nord dell’Italia, al gruppo nascente del Movimento si unisce un numero sempre maggiore di giovani, famiglie, operai, professionisti, politici.

Si compone così la Mariapoli, un bozzetto di società rinnovata dall’amore evangelico. Si incontrano sud-tirolesi e italiani, francesi e tedeschi, che vedono sciogliersi odi e rancori. “Tranvier, studenti e medici, speziali e deputati, entrati qui in Mariapoli son già parificati. Che valgono le cariche se qui fratelli siam?” recitava una vecchia canzone in voga nelle prime Mariapoli, e che ben esprime il senso di fraternità che si respirava e che si respira ancora oggi in tanti Paesi del mondo dove si ripete questa originale esperienza.

La nota dell’internazionalità caratterizza ben presto il Movimento in rapida espansione, dapprima in tutta Italia, poi, dal 1952, negli altri paesi d’Europa e dal 1958 nei continenti extraeuropei. Nel 1959 saranno più di 10.000 le persone che giungeranno a Fiera di Primiero, nel Trentino. Sono rappresentati 27 Paesi dai diversi continenti. In quella Mariapoli – e poi, nel 1960, a Friburgo –, Chiara Lubich, parlando a gruppi di diverse nazioni dell’unità dei popoli, trasferisce al rapporto tra le nazioni la legge evangelica dell’amore, e propone di “amare la patria altrui come la propria”.

Le Mariapoli si ripetono tutt’oggi nei 5 continenti.

Sul loro modello sorgeranno nel mondo le ‘Mariapoli permanenti’, le cittadelle del Movimento, ora una ventina, a vari stadi di sviluppo; la prima nasce nel 1964 in Italia, a Loppiano.

*********

Era dal 2006 che i Gruppi di Roma e provincia non vivevano la Mariapoli a Folgarida. È stato un ritorno atteso e ricco di tanti ricordi, per alcuni, e di tante aspettative, per altri. Ma soprattutto c’era il desiderio di vivere una vacanza insieme nel segno del divertimento, ma soprattutto dell’ Amore reciproco. E così è stato. Certo il tempo non è stato dei migliori e talvolta ha messo a dura prova l’organizzazione, ma ogni giornata è trascorsa cercando di vivere in unità. Così è stato possibile, ad esempio, affrontare anche la salita più difficile sotto la pioggia più forti perché si era insieme e più della meta era importante il compagno con cui passo dopo passo condividere il cammino. Oppure nel momento di gioco abbiamo vissuto l’incontro  delle diverse generazioni unite nel portare ognuno il proprio contributo.  Soprattutto però è stato importante alla fine di ogni pomeriggio il momento della riflessione e delle testimonianze seguito dalla messa. Un appuntamento che dava una prospettiva diversa a tutta la giornata, partendo ogni giorno da una Parola e che si è concluso, non a caso, l’ultimo  giorno con la consegna della Parola di Vita di Agosto insieme ad una lettera  di Chiara ai primi Focolari di Roma. Proprio per ricordardare che “il Paradiso in terra” (come fu definita la prima Mariapoli) non è  che una fonte di forza nuova per la Mariapoli di tutti i giorni. (fine)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: